著者
根占 献一
出版者
イタリア学会
雑誌
イタリア学会誌 (ISSN:03872947)
巻号頁・発行日
no.43, pp.1-27, 1993-10-20

Il mio saggio presenta, per la prima volta in giapponese, il contenuto quasi intero del dialogo De libertate, molto important e tipicamente rinascimentale, che fu scritto nel periodo del passaggio dal comune al principato. L'autore, Alamanno Rinuccini(1426-1499), visse nella societa fiorentina molto complessa, 'come ci insegnano vari studi recenti. Allievo dell'Argiropulo(l'esule greco e professore di filosofia greca nello Studio fiorentino) e notevole studioso dei greci, tradusse in latino e dedico a Cosimo, Piero e Lorenzo de'Medici le Vite di Plutarco. Ebbe importanti incarichi pubblici e diplomatici : gonfaloniere veduto di Giustizia nel'71, ufficiale dello Studio a Firenze nel '73 e ambasciatore a Roma presso Sisto IV nel '75-'76. Cercando cosi 'duplex foelicitatis genus', fu amico dei letterati e filosofi intorno agli uomini potenti e collega dei magistrati illustri al servizio dello stato. Nel '78 ci fu la congiura dei Pazzi. In questo momento esplose anche il suo malcontento di molti anni per il sorgere della signoria medicea e spero fervidamente nel loro successo. L'anno seguente scrisse il De libertate ed espresse le sue idee antimedicee. Nel dialogo discorrono i tre interlocutori, Aliteo (il veridico), Eleuterio (l'uomo libero, Rinuccini stesso) e Microtoxo (di poco ingegno, non si accorge della perdita della liberta), in una villa fuori dalla Citta di Firenze, dei congiurati antichi e contemporanei. Per natura, Aliteo e l'esaltatore della liberta e dell'attivita pubblica e politica. Ma deve riconoscere le ragioni dell'Eleuterio, che lo invita a considerare l'unica liberta che sia attualmente possibile, cioe quella della vita solitaria. Innamorato dei classici da Platone e Aristotele a Cicerone a Plutarco, il Rinuccini fu uno dei testimoni piu malinconici della crisi della Florentina libertas a causa dello svuotamento delle istituzioni tradizionali.
著者
根占 献一
出版者
イタリア学会
雑誌
イタリア学会誌 (ISSN:03872947)
巻号頁・発行日
no.31, pp.147-156, 1982-03-20
被引用文献数
1
著者
根占 献一
出版者
イタリア学会
雑誌
イタリア学会誌 (ISSN:03872947)
巻号頁・発行日
no.52, pp.137-142, 2002-10-25
著者
根占 献一
出版者
イタリア学会
雑誌
イタリア学会誌 (ISSN:03872947)
巻号頁・発行日
vol.33, pp.105-128, 1984

C'e una controversia tra gli storici sul significato e il carattere dell'umanesimo del Rinascimento italiano. P.O. Kristeller, per esempio, dice che gli umanisti erano gli eredi e successori professionali dei retori medievali e mette in riievo il nesso tra il Medioevo e il Rinascimento. Poi H.H. Gray, come lui. non nega che l' umanesimo fosse connesso con la tradizione retorica, ma indica che gli umanisti volevano essere ammessi come oratori prima di tutto e stimavano la retorica, la vera eloquenza in quanto questa poteva dare la virtu e il fine prezioso della vita a tutti gli gli uomini. Di recente W.Ullmann ha suggerito il termine umanesimo politico che assomiglia all'umanesimo civile di H.Baron ma e basato sul pensiero aristotelico e tomistico, e dimostra che, nlla sua genesi, il Rinascimento ebbe motivazioni politiche e risenti di condizionamenti socidli. Inoltre nota il processo verificatosi nella seconda meta del secolo XV. cioe la popolalita della visione platonica rappresentata nell' Accademia di Firenze da Marsilio Ficino con la sua THEOLOGIA PLATONICA, con un corrispondente declino dell' influenza aristotelica. Secondo la sua opinionel' umanesimo non e mai un movimento culturale ma politico. Ho considerato specialmente le interpretazioni dei questi tre studiosi odierni e voluto intendere l' umanesimo che e il termine indispensabile per riconoscere i cambiamenti notevoli avvenuti col Rinascimento.
著者
甚野 尚志 大稔 哲也 平山 篤子 踊 共二 三浦 清美 青柳 かおり 太田 敬子 根占 献一 関 哲行 網野 徹哉 大月 康弘 疇谷 憲洋 皆川 卓 印出 忠夫 堀越 宏一
出版者
早稲田大学
雑誌
基盤研究(A)
巻号頁・発行日
2013-04-01

我々のプロジェクトは、中近世のキリスト教に関わる諸問題をさまざまな視角から分析することを目指した。それも地域的には、ヨーロッパ世界に広がったキリスト教の問題だけでなく、布教活動とともにキリスト教化した他の世界の諸地域も対象とした。これまでの研究は主として、中近世キリスト教の非妥協的態度、迫害社会の形成、異教徒との対決の視点から研究がなされてきたが、我々は最近の研究動向に従い、中近世キリスト教世界の多様性やことなる宗教の共存に光があてつつ研究活動を行ってきた。この間の多くのワークショップなどの成果に基づき、各分担者が論文などで中近世のキリスト教史の新しいイメージを提示できた。
著者
根占 献一
出版者
イタリア学会
雑誌
イタリア学会誌 (ISSN:03872947)
巻号頁・発行日
no.27, pp.64-77, 1979-03-03

L'opera del Fichino-come gia e stato rilevato da alcuni studiosi, ad esempio il dott. Ken Ishihara-e costantemente caratterizzata dallo sfozo di unire la religione cristiana e il platonismo. Questa affermazione e giusta genericamente parlando. Essa fa sorgere pero un'interessante questione, cioe quale unione sia effettivamente e concretamente risultata da questo tentativo. Per rispondervi, ho voluto in primo luogo precisare a quale delle due concezioni sia stato dato dal Ficino maggior rilievo. Tutto considerato, in che modo il Ficino ha visto le idee di fede e di ragione? In secondo luogo, ho indicato con chiarezza a quale corrente storica si ricolleghi l'enfasi posta dal Ficino su ciascuna delle due idee. In fine, trattando questi due punti sulla base dei testi del Ficino e dei suot contemporanei, ho cercato di esporre il vero contenuto del suo pensiero e ne ho seguito lo svilluppo storico descrivendolo narrativamente.